lunedì 23 aprile 2018

RISULTATI ELEZIONI RSU 2018

Ringraziamo i 1.366 lavoratori e colleghi che hanno votato per i candidati della FP CGIL, consentendoci di essere il Sindacato più rappresentativo della Giunta regionale della Campania.
Personalmente ringrazio i 280 colleghi che mi hanno onorato della loro preferenza, rendendomi il candidato più votato tra tutte le liste e Primo eletto RSU. 
Di questo grande consenso avvertiamo la grande responsabilità che ne consegue e l'impegno sindacale che esso merita.
Cordiali saluti
Luciano Nazzaro
Coordinatore CGIL FP Regione Campania

ELEZIONI RSU 2018  -  VOTI DI LISTA E RIPARTO DEI 48 SEGGI RSU
1) FP CGIL: 1366 voti - 18 seggi RSU
2) CISL FP: 1.200 voti - 16 seggi RSU
3) UIL FPL: 645 voti - 8 seggi RSU
4) CSA: 297 voti - 4 seggi RSU
5) FIALC: 49 voti - 1 seggio RSU
6) UGL: 31 voti - 1 seggio RSU
7) USB: 19 voti - zero seggi

I 18 LAVORATORI ELETTI RSU NELLA LISTA DELLA FP CGIL

Preferenze
1 NAZZARO LUCIANO 280
2 FALCIANI MATTEO 102
3 MORO ANDREA 100
4 ANNUNZIATA SALVATORE 90
5 GRECO ANTONIO 88
6 MORRA MATTEO 85
7 CENTOMANI GENNARO 75
8 CASTALDI ANNALISA 74
9 DI NARDO  LARINO ELIA  73
10 MONTEASI MELINA 72
11 STELLATO ROSY 68
12 MALFERA' GIUSEPPE 63
13 LONGOBARDI CARLO 61
14 STIFANO GENNARO 60
15 FONTANAROSA CIRO 60
16 CUOMO PAOLO 57
17 MARIANO EMERICO 55
18 IARDINO LIBERATO 54

118 commenti:

Anonimo ha detto...

auguri luciano hai avuto un a buona affermazione :" domanda "
volevo chiederti, per quanto riguarda il saldo 2017 !!!da quello che ricordo erano 1000 euro a luglio/2017 poi 140 euro da Agosto/2017 a maggio 2018//a giugno,2018 euri 3400// questi soldi quando li prendiamo.-
"RISPOSTA".........................................
un saluto
Gennaro.-

Anonimo ha detto...

Auguri per il buon esito delle elezioni, ma ora, con un personale in via di estinzione per raggiunti limiti di età, non sarebbe opportuno ritornare a parlare delle progressioni economiche?

Anonimo ha detto...

Pare si siano estinti anche gli appena eletti rsu

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Grazie Gennaro.
Le cifre che hai indicato sono esatte.
Dobbiamo aprire urgentemente un tavolo con l'Amministrazione per comprendere lo stato degli adempimenti previsti dal sistema della performance, ai cui esiti è vincolata l'erogazione del saldo 2017.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Certamente ritorniamo a chiedere anche la definizione dell'Accordo sulle progressioni economiche.

Anonimo ha detto...

Ciao Luciano,
dopo il cambio di DG, sono ripresi i colloqui con la direzione generale delle risorse umane ?
Hai avuto modo di appurare le intenzioni della "nuova" dirigenza ?
Possiamo continuare a lavorare sul solco degli accordi presi precedentemente ?

Anonimo ha detto...

Erogazione del saldo 2017::VOGLIAMO VEDERE, L'AMM/STRAZIONE VUOLE TAGLIARE !! ARRIVA LA" PERFORMANS" QUINDI NON SARANNO PIU 3400 EURO DI SALDO PER TUTTI ??????????????????????????????????????????????????????????????????????????
luciano dimmi qualcosa-!!!

Anonimo ha detto...

Il fondo del personale e'stato ridotto,e i prospetti contabili completi di voci di parte fissa e variabile e dello spesato,in parole povere ,come sono stati spesi i soldi, chi lo sa ?????? -by ackab-

Anonimo ha detto...

Ho la sensazione di essere abbandonato a me stesso....Come il resto del paese (o dovrei dire del mondo), mentre i ricchi diventano sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri

Anonimo ha detto...

se il fondo del personale è stato ridotto, credo sia opportuno intervenire sugli importi delle posizioni che a sentito dire devono ancora aumentare, e non su quello dei poveri disgraziati che attendono con ansia l'importo pattuito.

Anonimo ha detto...


SIAMO STANCHI DI GUARDARE L'INDIFFERENZA
SIAMO STANCHI DI SAPERE CHE IL SINDACATO NON FA PIU' TESTO, TROPPO IMPEGNATO A SISTEMARE LE FACCENDE PERSONALI (PARENTI, COMMISSIONI, MISSIONI COMMISSARI AD ACTA.....
SIAMO STANCHI DI VEDERE GENTE CHE PROCLAMA I PROPRI DIRITTI INGIUSTAMENTE PERCHE' NON PRODUCE NIENTE ANZI CONSUMA AI DANNI DELL'ENTE (TELEFONO,CONNESSIONE AD INTERNET ECC...
SIAMO STANCHI DI NON RISULTARE MERITEVOLI QUANDO TI FAI UN C... E LAVORI PER GLI ALTRI FURBETTI
SIAMO STANCHI DI VEDERE GENTE CHE SI ASSENTA MA RISULTA PRESENTE
SIAMO STANCHI DEI DIRIGENTI CHE SI PRESENTANO AD ORA DI PRANZO E PRETENDONO CHE TU LAVORI IN PAUSA
SIAMO STANCHI DI NON APPARTENERE AL CLAN SALERNITANO CHE TUTTO PUO' E TUTTO FA
SIAMO STANCHI DI VEDERE COLLEGHI CHE PRESTANO IL LORO "LAVORO" PRESSO PIU' DIREZIONI GENERALI, NON FANNO NIENTE IN NESSUNA DIREZIONE
SIAMO STANCHI DI VEDERE CHE UN DIRIGENTE NON SI RENDE CONTO CHE IL PROPRIO COLLABORATORE SI ASSENTA TRA MALATTIA, 104 INVENTATA, DIMENTICANZA DI BADGE, SPESA SUPERMERCATO, COLAZIONE, PANINO
SIAMO STANCHI DI VEDERE PENSIONATI CHE CONTINUANO A LAVORARE ILLEGALMENTE
SIAMO STANCHI DI VEDERE COLLEGHI CHE TORNANO A BEGGIARE DOPO UNA GIORNATA DI LAVORO C...SUOI ESTERNI
SIAMO STANCHI DI VEDERE LA STRAFOTTENZA COMPLETA DI TUTTO QUESTO
RINGRAZIAMO IL SINDACATO SOPRATTUTTO PER AVER CAMBIATO GLI ORARI DELLA PAUSA PRANZO PERMETTENDO COSI' AL DIPENDENTE DI COMINCIARLA ALLE DODICI E TRENTA E FINIRLA ALLE 15,00.
SIAMO STANCHI...............

Anonimo ha detto...

quando parlate di favoritismi, commissioni, ..., vi prego, date anche qualche riferimento, anche se non nomi e cognomi.
Fate anche un po'di sana informazione.
Sono certo che Nazzaro non avrà motivo di non mettere a disposizione il blog per far circolare l'informazione; daltronde, nella maggior parte, sono atti pubblicati sul burc ci vuole solamente chi ci aiuti a leggerli in trasparenza e vedere cosa c'è dietro.
Comincio io:
la sapete la storiella del mega gruppo di lavoro istituito presso le risorse strumentali ?

p.s. domandona: gli ex-colleghi che ancora vengono a "lavorare", percepiscono un "rimborso spese" (ahahahahah). Da quale fondo vengono attinte queste risorse ? Questa stortura incide in qualche modo con quanto previsto per il personale in servizio ?


Anonimo ha detto...

Caro collega anonimo fammi capire bene, vuoi dire che ci sono delle persone che sono andate in pensione e ancora vengono a lavorare? Con quale titolo? Come consulenti? Perché non viene utilizzato il personale in servizio invece di dare ancora somme di danaro a chi già in passato ha goduto di in rapporto privilegiato con l'amministrazione. Forse i sindacati possono chiedere chiarimenti e spingere in questo senso l'amministrazione regionale.
In merito alla questione del fondo per il personale se davvero è stato ridotto Luciano può darci notizia delle motivazioni che hanno portato a tale risultato.
Tenete presente che la Regione ha appena inglobato nel suo personale altre 600 persone provenienti dai centri per l'impiego con cui dovremo dividere fondo ed eventuali progressioni orizzontali, se mai si faranno!!!

Anonimo ha detto...

molti colleghi, andati formalmente in pensione, sono in realtà ancora in giro per le strutture regionali; la DG risorse strumentali ha scoperchiato il vaso di pandora con questa pratica e ora ne stanno beneficiando un po' tutte le DG.
Ci sono anche decreti che sanciscono questa "collaborazione gratuita" al netto dei rimborsi spese documentati (ahahahah).
Il problema non è "se" questo accade ma "come" questo accada e che ripercussione abbia sul comparto, atteso che è di per sé una stortura.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Si, ci sono alcune persone, molto poche in verità, che vengono a lavorare nonostante siano andate in pensione. La legge consente alle Amministrazioni di proporre, ai pensionandi di accettare, incarichi a titolo gratuito salvo rimborso spese.
A tal proposito già diversi mesi addietro mi feci promotore di alcune note sindacali per esprimere un giudizio negativo su questa vicenda nonostante, come già detto, la normativa comunque consenta questa tipologia di incarichi.
Approfondendo parallelamente la questione da tutti i punti di vista, devo dire di aver anche appurato le seguenti circostanze:
1) il blocco del turn over che va ormai avanti da anni, impedendo una necessaria sostituzione del personale che va in quiescenza, sta mettendo in grave difficoltà sia il funzionamento degli uffici sia i lavoratori in servizio, che spesso vengono sovraccaricati delle attività precedentemente seguite da coloro che sono andati in pensione. Ciò effettivamente non dico che abbia costretto, ma quantomeno indotto alcuni uffici a ricorrere a questo tipo di incarichi per sopperire parzialmente allo svuotamento dei propri organici.
2) Lo stesso personale in servizio in possesso delle necessarie competente, interpellato dalle strutture di appartenenza e spesso dagli stessi rappresentanti sindacali di ufficio, non ha dato disponibilità ad assolvere anche le attività resesi vacanti, proprio perché già impegnato abbondantemente.
Ben vengano le prossime procedure concorsuali che la Regione Campania si appresta a mettere in atto, che contribuiranno a risolvere questo problema.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Cara/o collega,
da quando rappresento la FP CGIL in Regione Campania il Fondo del personale di comparto non è mai stato ridotto di un centesimo, salvo le decurtazioni imposte dalla legge per i cessati, quindi obbligatorie. Non avrei mai consentito all'Amministrazione regionale di ridurre il Fondo senza che ciò determinasse una battaglia feroce.
Anche per il 2018 non c'è alcun taglio, anzi è anche cessato l'obbligo di decurtazione per i cessati.
Purtroppo molti anche sindacalisti leggono qualche atto, non hanno padronanza della materia, capiscono poco e male e diffondono ai lavoratori notizie sballate creando paura e confusione.
Pur non essendoci alcun taglio sul Fondo ciò non significa che i problemi non ci sono.
Certamente corretta è l'osservazione che il personale proveniente dai centri per l'impiego, certamente non per colpa loro, porrà problemi di risorse finanziarie.
Domani mi confronterò con l'Assessore alle Risorse Umane su questo e su tanti altri problemi presenti. Dalle risposte che riceverò vi notizierò su come siamo messi su tutte le questioni.
Purtroppo prevedo una imminente calda stagione di mobilitazione.

Anonimo ha detto...

sicuramente ci sarà qualcuno che non conosce o interpreta bene le cose
ma state attenti tutti che i cari amministratori o vi fregano o sietge conniventi con proposte a volte anche che vanno a nostro discapito .
cmq siete tutti onesti. bravi clap clap clap

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Caro/a collega dotato/a di grandissimo acume,
le proposte che vanno a discapito tuo e degli altri vanno pure a discapito mio, essendo anch'io un lavoratore della stessa Amministrazione uguale a tutti quanti gli altri.
Posso mai essere connivente con proposte che penalizzano pure a me?
E' una considerazione talmente priva di intelligenza che sono io a sospettare la malafede di chi la faccia con l'obiettivo di minare l'unità dei lavoratori e della rappresentanza sindacale.

Anonimo ha detto...

Lucià, da dove prendono le risorse per pagare i "rimborsi spese" ai colleghi in pensione ?

Anonimo ha detto...

Luciano, potresti fare il punto sull'applicazione del nuovo contratto nazionale e del nuovo decentrato? Ormai sta passando anche maggio. Grazie, peppa

Anonimo ha detto...

Luciano hai parlato con l'assessore?

Anonimo ha detto...

Mi deve essere sfuggito qualcosa...........

Se l'aumento dell'indennità di responsabilità per le categorie D senza P.O. è passata da 166,67 a 208,33 € mensili (con aumento quindi pari ad € 41,66 mensili) perchè si continua a dire che sono recuperati tutti i 60 € mensili ?

24 aprile 2018 10:45

Luciano Nazzaro ha detto...

Cara/o collega,
è stato detto sin dal primo momento che per il personale di CAT. D senza posizione organizzativa non si riusciva da subito a recuperare interamente l'importo mensile di 60 euro.
Infatti la cifra di 208 euro corrisponde all'importo annuo di 2.500 euro, che è il valore massimo contrattuale che aveva l'indennità di specifiche responsabilità al momento della stipula del decentrato.
Come ho già detto in altre occasioni, con la imminente entrata in vigore del nuovo Contratto Nazionale, che porta il tetto massimo di questa indennità a 3.000 euro annui, saremo in grado di recuperare ulteriormente.

Ciò detto, adesso sono io che faccio una domanda a te.
Nel 2014, avendo ricevuto contestazioni su alcuni istituti contrattuali allora vigenti, fummo costretti a fare un'operazione di recupero analoga a quella odierna.
In particolare fu contestata l'erogazione delle indennità di rischio e di turno.
Nello specifico le somme che il personale rischiò di perdere furono le seguenti:
- per le CAT. A - B - C: circa 100 euro al mese tra indennità di rischio e di turno;
- per la CAT. D 67 euro al mese di indennità di turno.
Per recuperare questa perdita riuscimmo a far aumentare la produttività a tutti di 100 euro al mese.
La mia domanda è questa: perché in quella occasione non mi chiedesti perché recuperasti 100 euro al mese anche se la tua perdita era stata di 67 euro?

Luciano Nazzaro ha detto...

Le risorse per pagare i "rimborsi spese" ai colleghi in pensione vengono presi da capitoli di bilancio estranei a quelli destinati ai lavoratori.

Luciano Nazzaro ha detto...

Ciao Peppa,
il nuovo Contratto decentrato è stato correntemente applicato dalla busta paga di aprile.
Per quanto riguarda invece il nuovo Contratto Nazionale, a metà mese scade il termine per il parere che deve rendere la Corte dei Conti. Subito dopo ci sarà la sottoscrizione definitiva da parte dell'Aran e delle Organizzazioni sindacale. Poi le singole Amministrazioni avranno 30 giorni di tempo per provvedere alla concreta applicazione.

Luciano Nazzaro ha detto...

Si, ho parlato con l'Assessore e le risposte che ho ricevuto non mi sono piaciute per niente.
Prepariamoci ad una imminente stagione di mobilitazione.

Anonimo ha detto...

QUINDI INCENTIVI FONDI E PROGRESSIONI ORIZZONTALI ....TUTTO DA RIFARE ????

Anonimo ha detto...

Cambia maestro ma la musica e'sempre la stessa-BY ACHAB-

Anonimo ha detto...

Mai una bella notizia.....

Anonimo ha detto...

Lucià, si può vedere questo articolo dell'assessore cui fate riferimento nella lettera ? ci puoi mandare un estratto ?
l'ho cercata ma su internet non la si può leggere tutta

Anonimo ha detto...

Perche'assessorati a chi non e' stato eletto????-BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

Da come spiegato, il contratto Nazionale dovrebbe essere erogato sulla busta paga di Luglio od al massimo Agosto. Giusto? Un saluto a Te Luciano da Giorgio

Anonimo ha detto...

BURC n, 34/2018
RISORSE STRUMENTALI
D.G. 15 Direzione Generale per le Risorse Strumentali - Decreto Dirigenziale n. 80 del 24.04.2018 - AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALLA RICERCA DI IMMOBILI DA DESTINARE AD UFFICIO PUBBLICO

altri trasferimenti di massa in vista?

Xyz

Anonimo ha detto...

Caro Luciano
dopo le risposte negative dell'Assessore quali sono i passi successivi che bisogna seguire per dipanare la matassa? Ciao Clarabella

Anonimo ha detto...

Buongiorno, vi siete accorti che sulla busta paga, per le categorie C, è sparita l'indennità di disagio?
Aiuto

Anonimo ha detto...

Non e' sparita ,ma si e' nascosta.-BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

Luciano, quindi da giugno in poi non prenderemo più i 140 euro della produttività, confermi?

Vito ha detto...

@anonimo del 23 maggio 2018 ore 09.49


provo ad anticipare la risposta

il pagamento della produttività 2017 termina col saldo che sarà erogato a luglio prossimo, poi stop

la produttività di quest'anno 2018, in base agli ultimi aggiornamenti, sembra proprio che sarà pagata con unica maxirata (di circa 6000 euro) l'anno prossimo, senza anticipi, probabilmente prima dell'estate 2019

Anonimo ha detto...

GRAZIE VITO, BUONA SERATA

Anonimo ha detto...

cioè niente 140 euro mensili???? la vedo un'assurdità

Anonimo ha detto...

secondo me, e molti altri colleghi; un fisso di produttività ci dovrebbe rimare!, ora no so, come dice il collega 6000!, dare 250 da agosto/2018 a giugno2019!!!!!poi luglio saldo e possibile con la ""Performans""!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

ma infatti perchè ogni cavolo di volta devono sempre cambiare le carte in tavola????

la maggior parte di noi credo desideri continuare ad avere i 140 al mese e poi il saldo finale

lucià illuminaci!

Anonimo ha detto...

Forse non è chiaro a molti....

Grazie a Brunetta, pare non sia consentito ricevere acconti sulla produttività, ma solo a saldo. Quindi riceveremo la produttività 2018 in un'unica soluzione a Giugno/Luglio 2019. E così via....

Addirittura qualche folle, pur di accontentare quelli affezionati ai 140 euro mensili, prospettava di dilazionare la produttività 2017 (il cui saldo dovremmo ricevere a Luglio 2018) fino alla prossima estate. Ma così non faremmo altro che rimandare l'incasso di queste somme, che rappresentano appunto il saldo della produttività 2017, e di certo non l'acconto della produttività 2018.

Anonimo ha detto...

Caro anonimo delle 16.44 qui non si tratta di essere affezionati ai 140 euro mensili ma di gente che a stento riesce ad arrivare a fine mese ed ha bisogno di questi soldi

Che poi se volessimo essere fiscali col caro brunetta si dovrebbero applicare TUTTI gli istituti e incentivi economici previsti dal decreto cosa che ovviamente non avviene

E che dire della annosa questione dei posizionisti? Perché a loro nessuno dice niente sulle modalità di assegnazione delle posizione clientelare? Sul fatto che igettoni vengono aumentati anche a distanza di soli tre mesi? Ma di che c* stiamo parlando? Le regole valgono per tutti non a seconda della categoria
Dove c*zzo sta il rispetto della legge quando si tratta di consulenze esterne che in molte direzioni sono addirittura la metà del personale
E poi scusa se te lo dico ma credo che anche a livello di dignità professionale vedere il proprio statino di 1200 arrivare al max a 1050 è umiliante
Quindi poiché dovremmo essere in un paese democratico credo sia giusto che ogni lavoratore decida su come ricevere i PROPRI soldi
Giorgio

megattera ha detto...

La CGIL ha inviato al trattamento economico un quesito circa la possibilità di optare, da parte dei dipendenti interessati alla liquidazione del saldo produttività 2017 la cui erogazione è prevista per luglio 2018, per l'una o l'altra formula.
Se la risposta fosse positiva, a questo punto ognuno sceglierebbe la modalità di pagamento che più gli aggrada, senza entrare nel merito dei motivi per cui i colleghi preferirebbero l'altra soluzione.
La possibilità di diversificare il pagamento rispetto alla prevista erogazione in un'unica soluzione è stata presa in considerazione per il pressing di molti colleghi che lamentano il futuro quadro di diminuzione dello stipendio dovuto alla mancata erogazione dei 140 euro lordi che costituivano il pagamento, in parte rateizzato, della produttività ora soppiantata dal sistema delle performance (che non consente pagamenti in acconto, come accadeva prima, ma solo a saldo).
Ora se la proposta di tornare ad un rateizzo di una parte del premio per equilibrare lo stipendio mese per mese, salvaguardando una quota più consistente al momento del pagamento a saldo, vi sembra addirittura un abuso, non saprei cos'altro aggiungere.
Personalmente propendo per il pagamento di una parte del premio a rate, perchè non è facile mettere i soldi nel "salvadanaio", quando ci sono tante esigenze, ma non giudico chi la pensa diversamente; semplicemente biasimo le polemiche e le accuse contro chi ha cercato di trovare una soluzione che accontentasse tutti, anche perchè la proposta è stata sottoposta ad una sorta di votazione via e-mail.
Buona giornata a tutti

Anonimo ha detto...

Cara megattera, sono iscritta al sindacato cgil e ti posso assicurare che nessuno mi ha sottoposto nessuna votazione per scegliere il modo in cui dovesse avvenire l'erogazione del saldo della produttività 2017.
Detto ciò, personalmente propendo per un unico saldo, atteso che, si tratta appunto di un saldo sulla produttività 2017 e voglio decidere io su come disporre di una somma che di fatto dalla fine luglio 2018 è di mia proprietà. Altre forme di pagamento anche a me francamente sembrano folli, perché sarebbe come dire alla regione: io non sono in grado di gestire i miei soldi tienili tu e poi mi dai una paghetta ogni fine mese.
Per piacere siamo seri.
Angela

Anonimo ha detto...

Ma mi pare che si stia cercando una soluzione che, a scelta del singolo dipendente, accontenti tutti. Cara Angela, perché dare giudizi sull'altro metodo di erogazione. Potrei ribatterti che molti hanno l'addebito delle varie utenze sul conto corrente e lasciare inalterato l'importo dello stipendio è importante. Smettetela di dare giudizi soltanto dal vostro punto di vista, --siamo tutti seri-. Megattera ha detto, giustamente, si sta cercando una soluzione che tenga conto delle esigenze di ognuno.
Saluti.

Anonimo ha detto...

cara angela visto che fortunatamente per te nn hai problemi ad arrivare a fine mese perché non saresti cosi gentile da anticiparci tu i pagamenti delle varie bollette mensili?

oppure potremmo sottroscrivere tutti una proposta di legge per chiedere ai vari tim enel etc etc di inviarci le bollette annualmente lo stesso mese in cui ci daranno tutta la produttività che ne pensi?

facci sapere

nicola

Anonimo ha detto...

Suvvia, Angela ha ragione!!!
trattandosi di saldo, è evidente che se prendo 2200 nette a Luglio non mi resta che togliere da questo importo 140 euro * 12=1680 e lo accantono. Davvero i colleghi non riescono a riuscire a mettere 140 euro da parte al mese su questa cifra? E non mi rispondete che non tutti riescono a fare il salvadanaio, perchè non accetto che l'accordo preso in sede di contrattazione venga rimesso in discussione perchè alcuni colleghi non riescono a fare il "salvadanaio"!

Anonimo ha detto...

Scusate volevo dire 3000 lorde!

Anonimo ha detto...

Ma siamo ancora in una democrazia o no? Se si (come spero) allora mettiamo sl voto dei dipendenti la soluzione del dilemma amletico fra angela e nicola

Vito ha detto...

La questione andrebbe letta anche da altro punto di vista, più "positivo".

Se si è notato, sulla voce indennità di disagio/responsabilità sono stati caricati circa 60 euro in più.

Dal prossimo mese lo stipendio tabellare, per via dell'aumento contrattuale sarà caratterizzato da un incremento medio di circa 80 euro.

Dunque, 60 euro + 80 euro fanno 140 euro.

I 140 euro, i colleghi delle bollette, delle rate di mutuo o varie se li ritrovano, per caso più o meno fortuito, pari pari nella prossima busta paga.

Di che stiamo parlando? Di cambiare le regole della performance?

Buon lavoro.









Anonimo ha detto...

Sono l'anonimo del 24 Maggio ore 16.44, chiedo scusa, avevo dimenticato di firmarmi.

Premetto che, secondo me, fin quando è lasciata la libertà ad ognuno di scegliere come disporre delle proprie somme, va bene tutto.
Detto ciò, io ero contrario a lasciare la possibilità di spalmare il saldo della produttività su più mesi (successivi all'eventuale liquidazione in un'unica soluzione), perché il quesito per molti potrebbe risultare fuorviante ed equivoco, come ho già riscontrato dalle reazioni di alcuni su questo forum.

Per questo nel precedente intervento chiedevo se non fosse chiara la questione... stiamo discutendo se ottenere i soldi DELLA PRODUTTIVITA' 2017 SUBITO, a Luglio 2018, o lasciare alla Regione di disporre di parte di queste somme (140 euro al mese) e corrispondercele successivamente, nei mesi a venire. Come se facessimo un prestito alla Regione a tasso zero!

Nei commenti Giorgio parlava di gente che ha bisogno di questi soldi per arrivare a fine mese, e lo stesso Nicola ipotizzava che qualcuno gli anticipasse i soldi delle bollette... Ma l'avete capito che si parla di sottrarci dei soldi per poi darceli successivamente, e non che la Regione ce li anticipa...

Cominciamo a prenderci il SALDO DELLA PRODUTTIVITA' 2017 a Luglio 2018, poi ognuno li gestirà come meglio gli pare: se vorrà si farà un viaggio e li spenderà tutti, o li conserverà e ci pagherà le bollette...

Fabio

Anonimo ha detto...

Non si possono cambiare le regole della performance.-BY ACKAB-

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Se quello che dice il collega Fabio è corretto, ovvero che c'è un disguido sulla situazione della produttività, allora occorre sciogliere definitvamente questo equivoco.

In base al Sistema della Performance, che per il 2018 entra in vigore a tutti gli effetti e senza le deroghe dell'anno precedente, la Produttività e l'indennità di risultato delle posizioni organizzative di competenza anno 2018 POTRA' ESSERE PAGATA ESCLUSIVAMENTE A LUGLIO 2019.
Su questo punto non c'è niente da fare e nessun tipo di azione sindacale può cambiare le cose. Il decreto Brunetta è assolutamente chiaro: i premi legati alla performance non possono essere erogati se non a conclusione del percorso e della misurazione dei risultati, che avviene l'anno seguente a quello di riferimento.
Quindi non sono possibili acconti o anticipi di produttività. I 140 euro in busta paga, che attualmente costituiscono acconto produttività 2017, cessano a far data dal mese di giugno 2018 poiché non è più possibile erogare anticipazioni.

Ciò detto, a luglio si paga il saldo Produttività dell'anno 2017. Un numero rilevante di lavoratori ha tuttavia chiesto al Sindacato di non liquidare l'intero saldo a luglio ma ti utilizzarne una parte per mantenere i 140 euro mensili.
E' del tutto evidente che si tratta di chiedere all'Amministrazione la rateizzazione di un importo già maturato per intero.
Non entro nel merito delle motivazioni che hanno indotto tanti colleghi a fare questa richiesta, che ovviamente rispetto.
Abbiamo allora chiesto all'Amministrazione di consentire a ciascun lavoratore di scegliere la modalità di erogazione del saldo 2017. Aspettiamo a breve risposta.
Qualora non sia percorribile questa doppia opzione, abbiamo pensato di fare una consultazione telematica di tutti i lavoratori interessati per indicare all'Amministrazione l'opzione di pagamento prevalentemente preferita.

Anonimo ha detto...

Vedo che in merito al saldo della produttività i pareri sono discordi.
Caro Nicola ti assicuro che anche io ho tanti problemi economici: bollette, tasse universitarie dei figli, una macchina che cade letteralmente a pezzi. Proprio per questo il "SALDO" in un'unica rata mi permette di affrontare gli imprevisti con più tranquillità. Avere una somma da parte da utilizzare o mensilmente per incrementare in magro stipendio o per prelevare una somma più consistente in caso di imprevisti penso sia meglio che aspettare a fine mese i 140 euro lordi. Tanto più, che, come dice il collega delle 8,21, adesso sulla busta paga ci sarà l'aumento tabellare dello stipendio + i 60 euro sull'incarico di responsabilità.
La differenza è tra avere in mano i propri soldi subito a fine luglio o lasciarli a zero interessi in mano alla Regione per averli a 140 euro al mese. Però in questo caso se capita un imprevisto siamo costretti a chiedere un prestito (e pagare interessi salati) perché non disponiamo della somma che ci spetta.
Fate un po voi i conti. Io i miei li ho fatti.
Angela

Anonimo ha detto...

non ci sono dubbi : Saldo 2017 si prende in unica soluzione per cui, Stipendio di luglio/2018
3.400 euro lordi, - a Tassazione separata ???? + stipendio

Anonimo ha detto...

Grazie a Luciano, che sicuramente è voce più autorevole, per aver chiarito a tutti il nodo della questione: accettare la produttività 2017 in un'unica soluzione a Luglio 2018 oppure chiedere all'Amministrazione la rateizzazione di un importo già maturato per intero.

Cari colleghi, messa così non vedo chi potrebbe mai optare per la rateizzazione, piuttosto che avere in tasca dei soldi per far fronte ad eventuali imprevisti.

In realtà a me stupisce, e non poco, l'operato dei sindacati, che piuttosto che concentrarsi su questioni ben più importanti (progressioni orizzontali, concorsi interni e esterni, incentivo personali fondi FESR e altre categorie), avanza istanze di questo tipo all'amministrazione... mi sembra davvero una richiesta senza senso.
Ma è un'opinione personale.

Fabio

Anonimo ha detto...

concordo con Fabio ci sono veramente questioni importanti cui si sta glissando

Anonimo ha detto...

Rimpasto in giunta -BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

Qualche aggiornamento sui tiket?

Grazie

Anonimo ha detto...

Arriveranno tiket elettronici ? -BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

ACKAB già da questo mese?


grazie

Anonimo ha detto...

SULLE PROGRESSIONI SI DORME?

Anonimo ha detto...

se tutto va bene ?? i TIKET - con la scheda li ditribuiranno perla metà di giugno.-

Anonimo ha detto...

Cari colleghi
potreste darci qualche chiarimento in più sui ticket? Non verranno dati più quelli cartacei? Dal mese di giugno avremo quelli elettronici?. Nessun sindacato ha mai parlato di questo cambiamento di tiket, siete sicuri? Grazie ,resto in attesa di qualche delucidazione Lucia

Anonimo ha detto...

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/buoni-pasto-qui-no-_31694.shtml

Anonimo ha detto...

A proposito di ticket elettronici, speriamo solo non siano sempre Qui Ticket, paragonabili alla carta straccia, piuttosto meglio i bitcoin :-(

Anonimo ha detto...

Il cornuto e' sempre l'ultimo a sapere-BY ACKAB-

LUCIANO NAZZARO ha detto...

L'attuale servizio di erogazione dei ticket è scaduto.
Le notizie fornite dall'Amministrazione ci dicono che il servizio è stato affidato tramite la Consip e che i nuovi ticket saranno quelli elettronici.

Anonimo ha detto...

Luciano possiamo conoscere chi emetterà i ticket relativi al nuovo servizio?

Anonimo ha detto...

Una notizia, per noi poveri impiegati di una certa rilevanza, tenendo conto delle nostre scarse entrate, viene diffusa quasi in sordina perché?

Anonimo ha detto...

Il campo estivo partirà?

Anonimo ha detto...

In generale vedo poco interesse nel supportare le politiche per la famiglia (prg malattie congedi ad ore campi estivi ecc.....) dei dipendenti che non sono in età da pensione, se mai ne avranno una.....peccato Luciano

Anonimo ha detto...

CHE CASINO ALLA UOD 08 A SALERNO.

Anonimo ha detto...

Ciao Luciano,
ci aggiorni sui prossimi appuntamenti ?
Quando sono i prossimi tavoli ?
i prossimi passi del sindacato ?
Grazie

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Ciao collega,
non ci sono ancora incontri e tavoli calendarizzati.
Certamente a breve termine dovranno partire le seguenti discussioni:
1) recepimento delle novità previste dal nuovo Contratto nazionale
2) chiusura dell'Accordo sulla progressione orizzontale anno 2018
3) definizione delle percentuale dell'indennità di risultato 2017 delle posizioni organizzative
3) definizione del Tavolo sugli incentivi al personale impegnato sui Fondi comunitari

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Caro/a collega,
a me non sembra che il Sindacato si disinteressi delle politiche per la famiglia.
- In Giunta regionale abbiamo fortemente voluto e realizzato un regolamento sull'orario di lavoro straordinariamente flessibile, proprio per agevolare i lavoratori nella conciliazione delle esigenze familiari.

- Abbiamo preteso la realizzazione dell'asilo nido aziendale, che è una tipica politica in favore delle famiglie.

- Il nuovo Contratto nazionale prevede la possibilità di fruizione ad ore di permessi e congedi.

- La CGIL ha promosso e vinto ricorso per il ripristino delle tutele relative alle visite specialistiche.

- L'anno scorso la CGIL ha destinato risorse per istituire borse di studio in favore dei figli dei propri iscritti.

Insomma, a me sembra che ci sia una certa attenzione sulle politiche per la famiglia. Che poi si possa fare sempre di più e meglio non c'è alcun dubbio.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Il campo estivo parte dal 16 luglio al 3 agosto e dal 3 al 14 settembre.
Ogni bambino può fare al massimo 3 settimane.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

In verità la questione ticket non è materia di concertazione e nemmeno di informativa sindacale.
Quello che so è che il servizio è stato acquisito tramite lotto Consip e che i nuovi ticket saranno elettronici.

Anonimo ha detto...

Luciano puoi spiegare meglio i due punti sottostanti:
- Il nuovo Contratto nazionale prevede la possibilità di fruizione ad ore di permessi e congedi.
- La CGIL ha promosso e vinto ricorso per il ripristino delle tutele relative alle visite specialistiche.

in pratica in cosa si concretizzano? I nostri referenti del personale non ci hanno ancora resi edotti.....

Anonimo ha detto...

MA LEGGETEVELO QUESTO CONTRATTO CHE NON E' DIFFICILE!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Caro collega io lo so leggere benissimo il contratto Peccato che invece i colleghi del personale di Santa Lucia non hanno ancora mandato le circolari attuative Ragion per cui i nostri uffici non applicano tali disposizioni. sono stato più preciso ora o devo fare un disegnino per spiegarmi meglio? In sostanza è come se non sia stato ancora sottoscritto alcun contratto perché nella pratica non è stato applicato alcunché di quanto sopra. Non capisco il tuo commento fuori luogo è fuori tono.

Anonimo ha detto...

Riguardo ai nuovi Ticket,
caro Luciano viste le continue lamentele, gli articoli dei giornali, addirittura un servizio di Striscia la notizia sulla non spendibilità dei QUI Ticket, ti chiedo, ma non sarebbe il caso di bloccare tutto? Magari non accettando la card che ci consegneranno a metà giugno? Facciamo un'azione forte una volta tanto, rimandiamo indietro le card QUI Ticket, non facciamola partire questa convenzione.
Facciamo un fronte compatto.

Anonimo ha detto...

Io sono perfettamente d'accordo, non accettiamo i QUI Ticket e mandiamoli indietro.
Meglio un mese di ritardo che un anno di elemosine.

Anonimo ha detto...

Come mai qui'ticket non paga ???-BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

http://www.italiastarmagazine.it/italia/qui-ticket-da-consip-rischio-rescissione--3804


http://www.italiastarmagazine.it/cronaca/stop-a-quiticket-in-tutta-italia-3761


https://www.agi.it/economia/buoni_pasto_qui_ticket-3737555/news/2018-04-05/

Anonimo ha detto...

Luciano, dici una cosa giustissima quando dici che il problema dei ticket nn riguarda un aspetto di tipo sindacale, ma attenzione, fino ad un certo punto.
Ci fosse una gara regionale a fronte della quale la QUI TICKET vince, amen, è come dici tu.
Ci fosse un obbligo per la regione di affidarsi ai lotti consip, dei quali è aggiudicatrice la QUI Ticket, allora hai ragione, è come dici tu.
Nel momento in cui invece, come nel nostro caso, la Regione, NON OBBLIGATA, volutamente si affida ad un bando consip di cui è aggiudicatrice la QUI TICKET, nonostante i ripetuti disservizi e i noti disagi di cui ne abbiamo prova, allora il problema diventa sindacale. Diventa sindacale perchè abbiamo una struttura nella Regione, l'ufficio centrale acquisti, che ha nella propria mission l'attività di indizione e gestione delle gare. A questa struttura sono preposti dirigenti, che presumo conseguiranno un premio d'obiettivo, e funzionari, che presumo conseguiranno anch'essi un premio di obiettivo. Non posso credere che ci siano colleghi che, pur di non lavorare, ci mettano tranquillamente in bocca a questi squali. PERCHE' la REGIONE SI è AFFIDATA alla CONSIP BEN SAPENDO CHE AVREMo FATTO QUESTA FINE? PER rispiarmare, in termini di costi e tempi, sulla gara, mi risponderai. E allora chiamiamo le cose per il loro nome. I ns dirigenti, ci vendono per non lavorare. E allora si che diventa un problema sindacale!

Anonimo ha detto...

carissimo/a collega,
le cose sono un po' diverse da come le metti tu: la realtà è che la Regione, come tutti gli enti pubblici, è "fortemente invogliata" ad aderire a contratti CONSIP per una serie di motivi.
Il primo è la velocità di approvvigionamento: si evitano i tempi di una gara, di aggiudicazioni provvisorie e definitive, ricorsi, ecc.
La seconda è che la normativa prevede espressamente che se ciò che stai andando a comprare è già presente in un contratto quadro CONSIP, puoi procedere ad indire una gara per quel bene o quel servizio solo se dimostri l'economicità e la fondatezza del tuo agire.
Ora, ce li vedi tu i nostri dirigenti che decidono di sfidare la pastetta nazionale CONSIP (chissà cosa c'è dietro le aggiudicazioni CONSIP ...), fare uno studio di antieconomicità della soluzione CONSIP e andare a gara ?
CONSIP, secondo me, ha solo spostato e centralizzato il luogo della corruttela ma non ha risolto niente.
Noi, ingranaggi finali di questo sistema, notiamo solamente che i disservizi stanno aumentando.

Anonimo ha detto...

ma la distribuzione delle nuove card è già iniziata??

Anonimo ha detto...

Ma l'amministrazione ci guadagna con i tiket elettronici???-BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

E' assurdo che si risponda che non è un aspetto sindacale quello dei Ticket. Fatelo diventare un aspetto sindacale, state vicino ai lavoratori che in questo momento vi chiedono aiuto.
Guidateci nel combattere questa ingiustizia che si sta verificando.
E' un problema economico di TUTTI i dipendenti, il sindacato non può farsi da parte.
State commettendo un errore madornale.
Saluti

Anonimo ha detto...

non si devono accettare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ricapitolando, i qui ticket ed i gm lunch sono munnezza. I ticket restaurant ed i pellegrini sono assegni circolari.

Anonimo ha detto...

MA QUALCUNO LI HA GIà AVUTI QUESTI ACCIDENTI DI TICKETS NUOVI??

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Caro/a collega,
io non ho detto che la questione ticket non è un aspetto sindacale.
Ho detto che la questione ticket non è materia di concertazione e nemmeno di informativa sindacale. Tradotto significa che la scelta della società che eroga i buoni pasto non è oggetto di confrontro e di accordo con le Organizzazioni sindacali.
Se poi la scelta operata dall'Amministrazione sui ticket causa disagi ai lavoratori, allora il Sindacato può intervenire. Ed infatti abbiamo già evidenziato preventivamente all'Amministrazione che i QUI TICKET pare non vengano più accettati dagli esercizi commerciali e che, in tal caso, sarà necessario provvedere immediatamente a porvi rimedio.

Anonimo ha detto...

Caro Luciano
grazie dell'interessamento e dell'intervento del Sindacato.

Data la criticità della situazione è fondamentale sapere se quanto "evidenziato preventivamente all'Amministrazione" dal Sindacato sia stato oggetto di una adeguata formalizzazione, idonea a porre l'Amministrazione nella condizione di dover intervenire, anche alla luce delle iniziative già avviate dalla Consip.

Anonimo ha detto...

Tiket card-Un passo avanti,e due indietro-BY ACKAB-

Anonimo ha detto...

Ciao Luciano,
siamo a metà giugno e tutto tace mentre ci sarebbe un mare di cose di cui parlare con Risorse Umane.
Ma quando ci convocano ?
Quando facciamo un passo avanti ?

Perché non ci facciamo sentire ?

Anonimo ha detto...

Intanto PER LE PROGRESSIONI NON SE NE PARLA PIU'. E ALLORA BASTA PRENDERE PER I FONDELLI. FUORI LA VERITA' E FATECI TOGLIERE IL PENSIERO. SI DOVREBBE PARTIRE DAL 2017....ma sembrano solamente chiacchiere. ALLA TRIPLICE CHIEDIAMO CHIAREZZA.
Amici

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Amici di chi?

Anonimo ha detto...

AMICI VOSTRI CHE VI HANNO VOTATO E ai quali NON SAPETE DARE RISPOSTA. SU LUCIANO BANDO ALLE CHIACCHIERE e DATECI RISPOSTE.

Anonimo ha detto...

LUCIANO, ma Tu Pensi che gli amici delle10:40 abbiano torto? E allora perché porsi un interrogativo? Probabilmente la richiesta è stata un po' "toccante" ma alla fine un pizzico di verita' la dicono "fateci togliere il pensiero", ed io aggiungo nel bene e nel male. Un saluto Luciano da Vittorio.

Anonimo ha detto...

:÷((

Anonimo ha detto...

Caro Luciano,ti ripeto la domanda posta ieri mattina rispetto alle iniziative sindacali in merito alla vicenda QUI TICKET:

è possibile sapere se quanto "evidenziato preventivamente all'Amministrazione" dal Sindacato sia stato oggetto di una "adeguata formalizzazione", idonea a porre l'Amministrazione nella condizione di "dover intervenire", anche alla luce delle iniziative già avviate dalla Consip?

Intanto nelle diverse Amministrazioni interessate a livello nazionale le reazioni si stanno moltiplicando
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2018/06/12/ACNQE3VE-rivolta_questura_nessuno.shtml

Anonimo ha detto...

Caro collega, pur se in premessa dici che le cose stanno diversamente da come le ho illustrate, seguendo il tuo, impeccabile, ragionamento io riscontro le stesse cose che ho detto. La regione è ibfstti invogliata, mettiamola così, ad aderire a queste aggiudicazioni per lotti, e vi è costretta sino al punto di non potere agire con una propria gara se non dimostra la fondatezza e la economicità di questa scelta. Ebbene, credo che gli articoli di stampa siano ampiamente sufficienti a giustificare questa scelta, scellerata. La solita, inetta, Regione

Anonimo ha detto...

Cari tutti,

gli articoli di stampa, lungi da giustificare le scelte della Regione, testimoniano invece inequivocabilmente, attraverso i fatti che diffusamente si rappresentano, che si è ampiamente maturato, rispetto ai provvedimenti assunti, un mutamento delle circostanze di fatto che costituisce un presupposto tale da imporre immediatamente all'Amministrazione:

1)una rivalutazione della miglior forma di tutela dell'interesse pubblico;

2)l' esercizio del potere di revoca in autotutela dei provvedimenti assunti e l'adozione degli atti conseguenziali.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Ottime considerazioni, ma fondate su un modo di intendere ed esercitare l'azione amministrativa distante anni luce dagli standard della Regione Campania.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Cara/o collega,
le materie nelle quali, a seguito di una iniziativa sindacale, l'Amministrazione è posta nella "condizione di dover intervenire", con ciò intendendosi un obbligo a suo carico, sono limitate e specifiche e si riferiscono ai temi della contrattazione.
Tra queste materie non vi è il servizio sostitutivo di mensa. Ne consegue che la richiesta avanzata dal Sindacato qualche mese fa di non aderire a lotti Consip ma di bandire una gara per affidare il servizio ad una società di qualità non è stata nemmeno presa in considerazione.
Egualmente escludo l'ipotesi che, nonostante le problematiche già evidenziate dal Sindacato rispetto alla spendibilità del Qui ticket, nonostante gli articoli di giornale, e nonostante il richiamo della Consip, l'Amministrazione regionale decida di fare alcunché preventivamente, ovvero prima che questi ticket arrivino ed emerga formalmente il disagio.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Ciao Vittorio,
mi pongo l'interrogativo perché la chiarezza tanto invocata su tutto deve riguardare anche la natura del rapporto tra lavoratore e sindacalista, affinché sia un legame sano.
Combatto da sempre un diffuso convincimento per il quale l'amicizia, o anche la finta amicizia, possano essere elemento anche solo marginale di questo rapporto.

"Sono tuo amico perché ti ho votato".
"Ti voto perché sei un amico".
"Se non mi voti tu che sei mio amico chi mi deve votare?"
Frasi totalmente deleterie ed illogiche e che determinano conseguenze deleterie ed illogiche.

Tra un lavoratore ed un sindacalista ci può essere variabilmente un rapporto di stima o disistima, fiducia o sfiducia, sostegno o conflitto.
Quindi tenetevi l'amicizia, che non ho chiesto e non mi serve per svolgere questo mandato. Piuttosto riconoscetemi il ruolo ed il sostegno.
Il mio ruolo è quello di provare a negoziare con l'Amministrazione miglioramenti delle condizioni di lavoro e forme di valorizzazione dei lavoratori, nei tempi e nei modi possibili.
Il mio ruolo non è invece quello di buttare fumo negli occhi, parlando di temi giusti e che ricevono l'applauso dei lavoratori, ma che in un dato momento sono impraticabili.
Stiamo cercando da un anno e mezzo di ottenere un'altra progressione orizzontale.
E' vero che i tempi si sono allungati e che l'attesa ed il pessimismo crescono, ma pensavate o pensate che raggiungere questo risultato sia una cosa semplice?

Anonimo ha detto...

A proposito dei ticket, sarebbe lecito aspettarsi dal sindacato una pressione almeno per avere un comunicato ufficiale della regione circa lo stato dell'arte della nuova gara e/o assegnazione e del perché questo ritardo nella distribuzione o noi dipendenti dobbiamo sempre accontentarci delle notizie di corridoio?

Anonimo ha detto...

Ma perché su tutto il resto quale comunicato hanno dato?

Anonimo ha detto...

Infatti...l'attivismo pre elettorale della triplice è solo un lontano ricordo.

Anonimo ha detto...

La mancata erogazione del servizio sostitutivo mensa, mediante fornitura buoni pasto,é una questione di diritto,e si dovrebbe chiedere all'ANAC e al servizio ispettivo della funzione pubblica di verificare se sussistono violazioni,e in caso positivo adottare i provvedimenti di competenza. -BY ACKAB-

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Abbiamo già fatto pressione affinché vengano date informazioni ufficiali da parte dell'Amministrazione.

Anonimo ha detto...

DOPO L'INCONTRO CON IL PRESIDENTE DE LUCA SI E' BLOCCATO TUTTO COME MAI ??

Anonimo ha detto...

Ci affamano per farci fare bella figura con la prova costume.................

Anonimo ha detto...

Luciano, ma è tutto fermo ?
perché l'amministrazione si è fermata ?
L'aincontro con De Luca invece di aiutare, ha bloccato tutto ?

INVIO FILE