mercoledì 18 maggio 2016

PROGRESSIONI ORIZZONTALI 2015: GRADUATORIA PROVVISORIA CAT. A

Clicca per visualizzare la graduatoria provvisoria per la CAT. A

47 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao luciano scusa ma dopo quanto tempo che sono state approvate le graduatorie entrano in vigore gli effettivi aumenti di progressione orizzontale? su quale busta paga?
la graduatoria in questione è provvisoria in quanto bisogna comunque aspettare che passino i 30 gg x eventuali ricorsi?

peppe

Luciano Nazzaro ha detto...

All'interno del decreto n. 1 del 13.5.2016, col quale viene pubblicata la graduatoria provvisoria relativa alla categoria A, è specificato il termine per la presentazione degli eventuali ricorsi, che è di dieci giorni a partire dalla data di notifica agli interessati.
La notifica avverrà per il tramite dei responsabili delle singole Direzioni, ai quali il Decreto verrà trasmesso per posta elettronica certificata, e i ricorsi andranno inviati alla D.G. Risorse Umane.
Come è noto, dalla scadenza del termine per la presentazione dei ricorsi, parte l'istruttoria delle eventuali istanze e sulla base di queste viene redatta la graduatoria definitiva.
Ovviamente a questo ultimo provvedimento, se tutto procede senza intoppi, dovrebbero seguire i decreti di inquadramento nella nuova fascia economica per i vincitori; solo dopo questi passaggi si potrà andare a regime con la nuova retribuzione e la corresponsione degli emolumenti arretrati (visto che la progressione decorre dal 1.11.2015), quindi prevedere la busta paga sulla quale verranno caricate queste voci stipendiali è attualmente impossibile, ma cque dovrebbe richiedere pochi mesi. Saluti, Adelaide Stoppelli

Anonimo ha detto...

Invece, per quanto riguarda le categorie b e c, qual è lo stato dell'arte ?
che previsioni ci sono ?

Grazie mille

Alfredo Perfetto ha detto...

Non si apre il sito

Luciano Nazzaro ha detto...

Adesso si dovrebbe aprire.

Anonimo ha detto...

Alla faccia della trasparenza...ma se io non do qusli titoli culturali dei miei convorrenti sono stati valutati come posso fare ricorso??!!
Bah

Anonimo ha detto...

la graduatoria provvisoria della Cat.A non si visualizza

nino ha detto...

non si riesce a vedere la graduatoria

Anonimo ha detto...

la graduatoria non si apre

Anonimo ha detto...

E' mai possibile che qualsiasi Ente , anche piccolo ha all'interno del suo sito istituzionale, un campo dedicato ai propri Dipendenti, dove ci si trova di tutto, dalle normative per i permessi, ai bandi di mobilità alle progressioni, insomma tutto ciò che serve per carpire notizie alla luce del sole! Nell'ente maggiore come la Regione Campania invece si devono chiedere notizie a pseudo-esperti che sino al 2004 firmavano il libro presenze!! Qui c,è bisogno di un intero link dedicato al Dipendente fatto da persone esperte e che ne capiscono di gestione, diritti e doveri e soprattutto normative! Basta con questa gestione casareccia!!

Anonimo ha detto...

confermo non si apre

Anonimo ha detto...

la graduatoria non si apre

Anonimo ha detto...

luciano SI PUO' SAPERE CHI SONO I CILLEGHI CHE DOVREBBERO ESSRE TRASFERITI? OPPURE ANCHE IN QUESTO Cè LA SEGRETEZZA?

Anonimo ha detto...

dove REPERIRE L'ELENCO?

Anonimo ha detto...

non funziona niente....nemmeni un link ad una graduatoria vergogna alla faccia della trasparenza

Anonimo ha detto...

la graduatoria si apre!!! mi sa che il problema è dei vostri PC. E basta prendersela con Luciano e con il BLOG che è uno dei pochi mezzi di confronto.

Anonimo ha detto...

Caro ragazzo, questa graduatorie non dovrebbe essere sul sito di un sindacalista, ma sul sito istituzionale. Il sindacalista dovrebbe esclusivamente indicare che è uscita graduatoria.... In un ente decente funziona così!! Non me ne voglia Luciano, che anzi si prende delle responsabilità non sue, e lo ringrazio per questo!!

Anonimo ha detto...

sono previsti altri passaggi nella A 2 oltre a queste fortunate 128 persone?

Anonimo ha detto...

fino a ieri sera non si apriva si apre solo da stamattina prima di parlare informatevi

Anonimo ha detto...

l'attuale graduatoria dei passaggi in A 2 formata da 146 persone andrà ad esaurimento in quanto le prime 128 andranno con l'accordo sindacale 2015 le restanti con l'accordo sindacale 2016 e dovrebbe essere a partire dal 1° Aprile 2016

Anonimo ha detto...

è meglio prenderli tutti da questa graduatoria senza fare ricorsi si tratta solo di 15 persone non credo che le casse dello stato si aggravano

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Cercheremo entro quest'anno di far fare la progressione anche a coloro che non ci sono riusciti in questa tornata.

Anonimo ha detto...

in questa graduatoria sono rimasti fuori anche coloro i quali assunti con la legge 68/99 i disabili i quali dovrebbero avere una priorità

Anonimo ha detto...

caro anonimo ho letto il tuo commento sono d'accordo con te coloro che sono stati assunti per effetto della legge 68/1999 le categorie protette dovevano avere ai fini della graduatoria una priorità il che non è stato valutato.

Anonimo ha detto...

faccio appello anch'io al Sig. Nazzaro poichè dev'essere stilata la graduatoria definitiva vengano valutati anche i disabili assunti con la legge 68/99

Anonimo ha detto...

Gentilissimo Sig.Nazzaro

Nella graduatoria provvisoria della progressione A 2 ci sono ex colleghi che sono transitati in quiescenza a partire dal 1 Gennaio 2016 utilmente collocati nei 128 vincitori e noi che non stiamo in SERVIZIO che non sono riusciti ad arrivare in questi posti non contiamo nulla?

In virtù di quanto detto la graduatoria può avere uno scorrimento?


cordiali saluti

Anonimo ha detto...

errata corrige

Nella graduatoria della prograssione A 2 ci sono x colleghi che sono transitati in quiescenza a partire dal 1 Gennaio 2016 utilmente collocati nei 128 vincitori e noi che stiamo in SERVIZIO i quali non sono riusciti ad arrivare in questi posti non contiamo nulla?

In virtù di quanto detto la graduatoria può avere uno scorrimento?


coediali saluti

Anonimo ha detto...

"Cercheremo entro quest'anno di far fare la progressione anche a chi non è entrato in questa tornata" VALE PER TUTTE LE CATEGORIE? ECCO ,QUESTO E' QUELLO CHE VOGLIAMO SENTIR DIRE DA UN SINDACALISTA. Un saluto da Antonio

Anonimo ha detto...

caro Antonio mi associo anch'io alla tua domanda vale per tutte le categorie la progressione......la sola risposta la deve dare il Sig. Nazzaro


saluti

Anonimo ha detto...

INFATTI.

Anonimo ha detto...

Vista la Vostra grande efficienza, la nota unitaria ricevuta pochi minuti fa, da ognuno di noi sulla propria posta, porta la data del 19 maggio 2016....quindi tutti noi ne siamo venuti a conoscenza con ben 8 giorni di ritardo......alla faccia della velocità, della trasparenza e.......comunque non condivido per nulla, anzi dissento completamente dal fatto che la seconda tranche delle Progressioni Orizzontali non rivesta carattere d'urgenza, ma si ritrovi solo alla lettera b) tra le successive problematiche da affrontare con l'Amministrazione Regionale....

b) applicazione dell'istituto della progressione economica orizzontale per l'anno 2016 e previsione di meccanismi di incentivazione del personale in posizione apicale;

.....a questo punto fatevi un "piccolo" esame di coscienza del vostro operato e poi si vedrà.....fino a che punto...tutti i dipendenti regionali...continueranno ad ascoltarvi o a leggervi...

Anonimo ha detto...

tu che chiedi esami di coscienza, tu che scrivi moniti etici coperto dall'anonimato, tu che vuoi un sindacato che operi per te, per i tuoi interessi piccoli piccoli,

dimmi un po', fai parte del 3% dei dipendenti regionali che ha scioperato il 25 ?
fai parte dello 0,1 % dei dipendenti presenti alla manifestazione in piazza ?

non penso! altrimenti avresti visto come si articola il sindacato, come si barcamena per portare a casa qualche risultato. Ricordati che le lotte vinte sono per tutti, aver ottenuto il risultato sulle PEO è per tutti anche per quelli che in questa tornata, come me, molto probabilmente ne resteranno fuori.
Cerchiamo di non essere così miopi, guardiamo un po' più in là del nostro naso, impariamo a fare gli interessi della categoria non i nostri personali altrimenti la nostro controparte datoriale avrà sempre gioco facile.

Angelo

Anonimo ha detto...

Angelo che.....?
cmq, i risultati li vedremo.....e ancora cmq a mia domanda nessuna risposta...!!!! La seconda tranche delle Progressioni è prioritaria o no...?

Anonimo ha detto...

Caro Angelo

la mia posizione critica verso il sindacato e quando dico il sindacato mi riferisco alle tre organizzazione CGIL - CISL - UIL che non hanno tutelato in questa fase i loro iscritti quindi per me il sindacato ha fallito verso di noi e parlo di coloro che sono in SERVIZIO anche perché nelle rispettive graduatorie ci sono ex colleghi transitati in quiescenza a partire dal 1 Gennaio 2016 e noi che siamo in SERVIZIO in pratica siamo passati in secondo ordine.

Il sindacato a mio avviso se vuole mostrare la proprie forze deve intervenire in questa fase non a quando verrà affrontata la problematica delle progressioni.

In virtù di quanto detto le graduatorie dovrebbero scorrere perché il numero viene a mancare proprio col determinarsi di coloro che sono o si apprestano a transitare in quiescenza e quindi appare giusto dare la priorità e salvaguardare dal sindacato di coloro che sono in SERVIZIO che quotidianamente offriamo i sacrifici.


Credo che le mie umili osservazioni siano giuste.

saluti

Vito ha detto...

Caro collega, le tue osservazioni sono importanti e giuste fino ad un certo punto.

Prova a sentire anche altri pareri, come il mio.

Non c'è niente di strano nel fatto che chi è andato in pensione al primo gennaio 2016 così come chi andrà in pensione al primo giugno 2016 possa beneficiare della progressione economica di due mesi o otto mesi rispettivamente.

La PEO infatti ha valenza retroattiva da novembre 2015.

Semplice, no?

Anonimo ha detto...

caro Vito,

colgo il dovere per ringraziarti che hai condiviso in parte le mie osservazioni però indipendentemente e senza nulla togliere da coloro che sono transitati in quiescienza rimane il fatto che le rispettive organizzazioni sindacali sono rimaste in modo nettamente chiaro la loro indifferenza .


saluti

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Per quanto riguarda le domande che mi sono state poste sulle graduatorie della CAT. A, devo innanzitutto far osservare che la maggioranza dei lavoratori appartenenti a questa categoria è stata assunta proprio in virtù della legge 68/99 che tutela le c.d. categorie protette.
Ciò detto questa condizione, che giustamente costituisce un percorso preferenziale nell'ingresso nel mondo del lavoro, non può invece essere utilizzata quale criterio di preferenza nei processi che confrontano tutti i lavoratori sulla base del merito, quale è ad esempio una progressione economica orizzontale. In parole semplici non era possibile inserire nel bando della progressione un criterio che attribuisse una preferenza alle persone diversamente abili, poiché questa condizione, che è già stata presa in considerazione per un conforme inquadramento di categoria e di mansione, non deve incidere negativamente sulla qualità della prestazione professionale rispetto a tutti gli altri lavoratori.
Quindi non c'è motivo di prevedere meccanismi di recupero di un ritardo, poiché ai nastri di partenza tutti i lavoratori partono dallo stesso punto e con le stesse potenzialità di vittoria.
Devo inoltre evidenziare che per la Categoria A il Sindacato ha fatto un lavoro importante, spingendo la percentuale di progressione addirittura all'87,5% dei partecipanti, quindi un risultato molto vicino alla copertura dell'intera categoria.
Mi rendo conto che adesso resta una piccola porzione di lavoratori che non sono riusciti a godere di questa progressione e che quindi non sono contenti, ma purtroppo questo aspetto fa parte delle procedure di tipo selettivo, nelle quali qualcuno vince e qualcuno perde, ed il Sindacato non può farci niente.
Resta la nostra volontà, che confermo anche in questa circostanza, di provare a far fare la progressione anche agli esclusi nel corso di questo anno.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Gentilissimo/a collega,
leggo la tua domanda rispetto ai vincitori andati in quiescenza con una certa perplessità.
Il bando correttamente fissa una data, rispetto alla quale tutti i lavoratori che sono in servizio a quella data hanno il diritto di partecipare a questa progressione orizzontale. Si tratta di un meccanismo corretto, equo e trasparente, che individua chiaramente i concorrenti (chi è in servizio ad una certa data) e li confronta sulla scorta di criteri (valutazioni, anzianità di servizio, titoli) posseduti in quel momento.
Quindi è rilevante, per il riconoscimento della progressione, tutto ciò che è avvenuto prima di quella data, non dopo quella data.
Se successivamente il dipendente va in quiescenza, o muore o accade altro, questo certamente non fa venir meno il suo diritto a partecipare a questa selezione alla pari con tutti gli altri.
Non è possibile né giusto negare un diritto perché il collega nel frattempo è andato in pensione, né sarebbe legittimo reclamare questa circostanza per ampliare il proprio diritto.
C'è stata una selezione e qualcuno ha vinto e qualcuno ha perso e bisogna rispettare i risultati, provando parallelamente a costruire una nuova occasione per coloro che in questa fase non sono risultati vincitori.

Anonimo ha detto...

Gentilissimo Sig.Nazzaro

è vero che l'amministrazione non ha ritenuto urgente affrontare l'argomento della progressione orizzontale?


saluti

Vito ha detto...

Riagganciandoci alla nota, ultima pervenuta, firmata di pari pugno dai coordinatori delle principali sigle sindacali, credo sia interessante rilevare come, nei fatti, la questione PEO 2016 non è considerata prioritaria.

Si permetta allora qualche libera e legittima critica.

Ma ne siete davvero convinti?

A mio parere, quando si inizia un percorso bisogna "prioritariamente" portarlo a termine.

D'accordo sul fatto che la riorganizzazione regionale resta la priorità "assoluta", ma quando si parla di riorganizzazione di che si sta parlando?

Un consiglio, chiaro e spassionato.

Perché i sindacati che tanto dicono di avere a cuore l'efficienza amministrativa e la qualità dei servizi non iniziano a mettere, pubblicamente, per iscritto, quali sono le strutture organizzative ritenute poco utili, quasi superflue, e che dunque possono essere assorbite ed assimilate ad altre più funzionali e necessarie?

Perché non si prova a pubblicare l'elenco di tutte le UOD con soli 4-5 dipendenti compreso il dirigente capo di turno?

C'è qualche sindacalista di rilievo che dietro queste "UOD paravento" ci trova interessi propri?

Grazie per l'attenzione.

Anonimo ha detto...

Luciano c'è qualche previsione per le graduatorie dei D?
maria

Anonimo ha detto...

Ciao Vito

sei in possesso della nota dove indica che la PEO 2016 non è prioritaria?


saluti

Anonimo ha detto...

Leggi la tua posta di venrdì 27 maagio 2016 delle ore 12,36 indirizzata ad utenti_tutti da parte di FP CGIL

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Ciao Maria,
penso che per le graduatorie della Cat. D occorra attendere almeno il mese di luglio.

LUCIANO NAZZARO ha detto...

Allora si consenta anche a me di dare qualche consiglio libero e spassionato: non perdete il vostro tempo per leggere e commentare le note sindacali, perché siete così faziosamente alla ricerca di spunti per criticare da non essere in grado di capire il significato di ciò che c'è scritto. E non avete nemmeno l'umiltà di chiedere se avete capito bene prima di dare giudizi e consigli al Sindacato.
Questo è un modo di partecipazione alla vita sindacale che proprio non ci serve, e soprattutto fa perdere tempo anche a me.
In alcun modo la nota pone la progressione orizzontale 2016 nell'ambito di questioni che non abbiano priorità.
Va anzitutto considerato che la nota non è tecnica ma è politica, poiché indirizzata al Presidente ed all'Assessore alle Risorse Umane. Di conseguenza pone principalmente temi che richiedono una risposta politica prima che dirigenziale.
Ed alla politica non si chiede da subito l'attivazione di un istituto contrattuale, ma si chiede la creazione delle condizioni che possano consentire l'attivazione dell'istituto.
Infatti tra le istanze evidenziate dal Sindacato per la necessità di avere risposte urgenti, c'è quella della costituzione del Fondo per le Risorse decentrate dell'annualità 2016 integrato con risorse aggiuntive.
Domanda 1: cosa ci vuole per realizzare la progressione orizzontale anche per il 2016?
Risposta 1: ci vogliono i soldi per coprire i costi, o meglio più soldi di quelli normalmente presenti nel Fondo!
Domanda 2: se la politica ci accorda il riconoscimento di queste risorse aggiuntive cosa ne facciamo?
Risposta 2: in primo luogo ci facciamo la progressione orizzontale nel 2016!
Domanda 3: ponendo alla politica, tra le istanze prioritarie, quella di integrare il Fondo con risorse aggiuntive, si è conseguentemente posto il tema della progressione tra le questioni di massima importanza?
Risposta: si, senz'altro!

Voi non vivete la vita sindacale e non siete nel Sindacato, quindi abbiate l'umiltà di non ergervi a massimi conoscitori e interpreti dell'azione sindacale.
E soprattutto nella stragrande maggioranza di voi non c'è adesione al Sindacato, non c'è partecipazione alle assemblee di confronto, non c'è adesione agli scioperi ed alle manifestazioni, insomma non c'è un solo comportamento di sostegno al Sindacato. Va benissimo....almeno non rompeteci i maroni e non ci venite a dare consigli di cui non abbiamo bisogno.
Noi abbiamo bisogno di lavoratori che fanno la loro parte, ovvero ci sostengono in tutto e per tutto. Per il resto astenersi pure grazie.

Anonimo ha detto...

Caro amico, dell'amministrazione, personalmente non ti permetto nessun discorso etico e quant'altro!!!! Cmq, gli insulti e questo salire in cattedra per farci lezioni a tutti, sa di difficoltà e pressapochismo....!!! Infine, sappiate che sarete sempre controllati da tutti noi.....E per favore non prenderci in giro per i risultati di ctg D pronti per luglio...e poi non dire che c'era l'estate, qualche difficoltà e perciò siamo arrivati a metà ottobre....

Vito ha detto...

caro Luciano, guarda che forse neanche noi lavoratori abbiamo bisogno di un Sindacato appiattito ed accomodato intorno ad un tavolo d'unione con tre sedie CIGL, CISL e UIL, senza elementi di competizione e distinzione, alle prese con vari affari ed interessi politici

anzi, per dirla tutta, questo tipo di Sindacato, affezionato alle manifestazioni di piazza, autoreferenziale ed inacerbito per via delle poche tessere e delle poche adesioni forse è uno dei principali problemi di noi lavoratori

per il resto, amici come prima! e buon lavoro!

INVIO FILE